Laura Rosati, il ritorno in passerella… sognando la corona

Una carriera iniziata quando era ancora adolescente, un’interruzione dovuta ad una doppia gravidanza, fino al ritorno (in grande stile) in passerella. Motivata, determinata, decisa. Tre aggettivi che la dicono tutta su come si prepara vivere la finalissima di Miss Reginetta d’Italia Over, il concorso nazionale che il prossimo mercoledì 31 agosto si concluderà nella splendida cornice di Riccione. Ecco, segnatevi il suo nome. Laura Rosati è ormai donna (32 anni portati con la leggerezza di una ventenne), mamma, assistente alla poltrona, modella, fotomodella e aspirante Miss. L’elenco potrebbe forse continuare a lungo, ma già questo rende l’idea. Tempo ne ha ben poco, quello che le rimane ha deciso di dedicarlo a sé stessa. Così, dopo il secondo figlio, ha deciso di tornare a sfilare. “Perché non penso che dopo aver conquistato la gioia di diventare mamma si debba necessariamente abbandonare la propria femminilità e il desiderio di sentirsi belle con sé stesse” racconta Laura, rappresentante della bellezza del Lago d’Iseo, tatuaggi sparsi su un corpo che trasuda femminilità. Oggi, però, a far la differenza è soprattutto la sua personalità: “Salirò in passerella per mettere in mostra il mio carattere, la mia esperienza, il mio vissuto: così voglio stupire e conquistare la giuria”. Una promessa che è anche una premessa: “Voglio conquistare il podio a Riccione, penso di potermelo meritare. E in quella serata, proverò a dimostrarlo…”.

Insomma, un ritorno sotto i riflettori in grande stile…

Non ho mai pensato di rinunciare alla mia femminilità, nemmeno dopo essere diventata mamma dei miei due splendidi figli. Sono sempre andata in palestra, ho sempre curato anche l’aspetto estetico. Unisco le attenzioni alla famiglia con quelle verso me stessa: alle volte trovare il tempo non è così facile, ma quando si vuole una cosa… la si ottiene!

Peraltro, la tua è una carriera che arriva da lontano…

Nella vita volevo diventare igienista dentale, oggigiorno sono un’assistente alla poltrona: nella mia quotidianità vedo molti denti… Ecco, il sorriso penso che abbia sempre fatto parte di me, sin da quando ho iniziato a sfilare ancora giovanissima per un negozio di intimo delle mie zone. Il passaparola e la curiosità hanno fatto il resto, portandomi a vivere l’esperienza di concorsi di bellezza e a conquistarmi fasce a livello locale. Questa è la mia passione, la porto avanti perché mi appaga, mi emoziona, mi suscita adrenalina e mi fa sentire viva. Lo confesso: quando ho conquistato il lasciapassare per la finale nazionale di Miss Reginetta d’Italia Over, qualche lacrima è scappata…

Eppure, hai già vissuto molte esperienze…

Diciamo che mi sono tolta delle soddisfazioni divenendo fra le ambassador di negozi di abbigliamento, salendo su numerose passerelle. Tutti i weekend, fino alla prima maternità, per anni li ho trascorsi posando o sfilando. Poi ho scelto di seguire da vicino la crescita dei miei due figli finché lo scorso anno ho deciso di ricominciare a mettermi in gioco. Ho rimesso al centro la mia persona, ho ripreso costantemente con palestra e nutrizione.

Ed è così che i risultati sono arrivati…

Ho scelto di puntare sull’esperienza acquisita negli anni e sul corpo… senza voler essere altezzosa, oggi mi vedo bella grazie al lavoro svolto sulla mia fisicità. Questa sensazione mi permette di salire in passerella, di sentirmi alla pari e di sentirmi pronta…

Il count-down viaggia spedito verso il 31 agosto…

È stato un percorso straordinario, iniziato con le selezioni provinciali, poi quelle regionali, finchè mi sono guadagnata l’accesso alla finalissima. Mi sono emozionata, ho abbracciato i miei figli che ci hanno sempre creduto e che mi hanno dato la spinta necessaria. Ora vado a Riccione: ho deciso di rimettermi in gioco e l’ho fatto con l’obiettivo di puntare in alto. È giusto partecipare per divertirsi e per fare una nuova esperienza, ma voglio soprattutto dimostrare che fascino ed eleganza non hanno età. Troverò ragazze bellissime, per vincere dovrò puntare sul mio modo d’essere e di fare. Di certo non mi vedrete fare la bella statuina: le persone si colpiscono mettendo qualcosa in più del semplice aspetto estetico…

CONTATTI SOCIAL

@laura_rosati

CREDITS FOTOGRAFICI

Ph. www.instagram.com/turboclick

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*