Veronica Rossi, creativa nel corpo e nell’anima

Il personaggio di questo articolo è Veronica Rossi, eclettica milanese originaria della Liguria. Personalità interessante che parla a ruota libera dei social, della vita, offrendo buoni consigli.

Presentati a chi non ti conosce ancora. Piacere amici di Live Magazine, sono Veronica, ho 43 anni e vivo a Milano. Potrei semplicemente definirmi una “modella over”, ma non mi piace mettere un’etichetta a cose e tantomeno persone, per cui mi definisco un’appassionata di comunicazione a 360 gradi, per lavoro e per indole. Ho sempre trovato affascinante comunicare anche attraverso il corpo, per cui poso, ma mi sono dedicata per tanti anni anche all’insegnamento di discipline fitness e al canto. Mi piace comunicare concetti ed emozioni, interpretare ruoli e sostanzialmente mostrare diversi aspetti di me lasciando se possibile “messaggi” alle persone che ho davanti. Mi piacerebbe potermi descrivere come un’artista, ma mancherei di rispetto a chi ha talento vero, per cui preferisco definirmi una creativa incuriosita e appassionata di arte, musica, moda e comunicazione in generale.

Come hai iniziato nel mondo della fotografia/moda? Tanti tanti anni fa (… e ricordiamolo, che sono vecchiotta!!!). Si parla di fine anni ’90, quando mi sono trasferita a Milano da un paese di mare in Liguria, con la “scusa” di frequentare una facoltà universitaria allora presente solo qui. In realtà, fin da piccolissima ero affascinata dalla moda, dai mezzi di comunicazione e dal tipo di mentalità che in un paese piccolo non era possibile vivere mentre a Milano sì. Erano anni in cui veniva fatto scouting per strada dalle agenzie, venni fermata diverse volte e “entrai nel giro”. Ero consapevole di non avere l’altezza e i requisiti per sfilare, ma la mia immagine fuori dagli standard comunque era piaciuta e comunque la cosa che più mi appassionava era posare, quindi iniziai così. 

Purtroppo però il mio carattere non era ancora abbastanza forte per affrontare un contesto in cui si è (e si era, soprattutto!) costantemente esposte a giudizio, e complici una forte insicurezza e peggio ancora il precipitare nell’incubo dell’anoressia mi allontanai completamente anche dal mondo della fotografia. Un buco nero, profondo. 

E’ stato molto dopo, nel contesto di una lenta ma radicale rinascita, che ho ritrovato la voglia di posare. Complici anche i social, complice una nuova sicurezza in me stessa e soprattutto consapevolezza che non esiste una perfezione assoluta e che un soggetto fotografico può essere interessante e interpretare ruoli a qualunque età, anche se ha caratteristiche differenti dalla classica modella da Vogue. Valorizzare la propria unicità, lavorare con serietà, queste le cose che secondo me stanno al centro di tutto. 

Descriviti in tre aggettivi.

Molto molto critica e molto molto MOLTO autocritica, sempre. Instancabile: se devo raggiungere un risultato a qualunque costo devo ottenerlo, soprattutto se ho dato la mia parola a qualcuno. Solare, ottimista sempre: di questo permettetemi vado molto fiera; sono una donna che si è autolesa a lungo, e che detestava la vita… griderei al mondo, oggi, che vale la pena di viverla sempre e al massimo.

I social media come hanno cambiato la tua vita? Sono sempre stata appassionata di tutti i mezzi di comunicazione, sia per lavoro sia per interesse personale, quindi li ho accolti come un potente strumento di comunicazione in più. Con tutti i vantaggi e i limiti dei media … se ben utilizzati, strumenti eccellenti di promozione, di comunicazione e gran risparmio di tempo; se utilizzati male, un boomerang. In nessun caso vanno confusi vita reale e vita sui social però, rischio sicuramente molto concreto per tanti giovani che, a differenza della mia generazione, sono abituati fin da piccoli a considerarli il principale modo di comunicare e sistema di riferimento per i propri modelli.

Foto sempre impeccabili, ma nella vita privata come sei quotidianamente? Identica!!! C’è sempre molto, tutto di me nei miei scatti, non dico mai sì a un lavoro che non mi rappresenta in qualche modo. Certo non mi vedrete in giro in abiti da geisha come in alcune foto che ho scattato, e vi capiterà invece di vedermi spesso in top e scarpe da ginnastica vista la mia passione per lo sport. Ma per il resto, sono sempre io. Abbiamo un solo corpo a disposizione, e dati i miei trascorsi ne ho una coscienza profonda, quindi cerco di curarlo il più possibile con l’allenamento, un’alimentazione sana, un’idratazione corretta e tanti piccoli accorgimenti. Amo la moda e il make-up, e per quanto posso porto le mie passioni anche fuori dal set.

Progetti per il futuro? Continuare a posare più a lungo possibile nei generi che già faccio, mettermi alla prova su progetti nuovi. Far crescere la mia pagina Instagram, anche se ho sempre poco tempo da dedicare, implementare un mio sito internet e … lo so non c’entra nulla, ma … fare qualche serata live con la mia band!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.