Valentina, “la pole dance è libertà pura”

“Mi chiamo Valentina, ma tutti mi chiamano Naná. Ho 29 anni e sono sarda, nonostante io viva a Torino da quando sono piccola. Sono una pole dancer e fotomodella. Così si presenta Valentina Nanà Soru. “Sono cresciuta con mia madre e mio fratello musicista, quindi la mia infanzia é stata particolare. C’erano sempre artisti in casa ed ero incuriosita da tutto ciò che riguardava quel mondo e quei personaggi particolari agli occhi di una bimba. Tutto ciò mi ha fatta diventare curiosa in generale, su tutto. Diciamo che la curiosità é sempre stato il Leitmotiv della mia vita ed é stato grazie a questa che sono finita a praticare arti aeree e a fare la modella alternativa”. 

Come hai iniziato come modella alternativa? “Il mio primo set risale al 2012 ed é stato di nudo. Non sapevo minimamente a cosa stessi andando incontro. Mi hanno fatto una proposta interessante e l’ho accettata al volo, spinta per l’appunto dalla mia curiosità e dalla voglia di provare qualcosa di nuovo. Da lì poi mi sono avvicinata alle arti aeree e, in particolare, alla pole dance. Ho iniziato a fare principalmente foto sul palo, continuando per degli anni, finché due piccoli incidenti sul palo mi hanno fatta un po’ allontanare da quell’ambiente. Mi sono riavvicinata al mondo della fotografia (senza palo) per caso. Una sera mancava una ragazza ad una serata fotografica e, degli amici, mi hanno chiesto di fare io da modella. Da lí é rinato un po’ il tutto”. 

Quanti tatuaggi hai e a quale sei più legata? “Sono sincera: ho perso il conto. Sicuramente siamo sulla ventina o poco più. Ho deciso di non contarli finché non ho finito tutti i progetti che ho in mente. Probabilmente quello a cui sono più legata é la scritta che ho tra la spalla e il collo. É un “Ti amo” scritto da mia madre e tatuato da una persona a cui voglio molto bene”.

Racconta come si sta a volteggiare attorno al palo: “La prima volta che ho provato a fare pole dance, mi si è aperto un mondo. Sono rimasta subito affascinata dalla sensazione di totale libertà che provi a ballare con i piedi staccati dal suolo. Mi piace la sensazione che provo mentre giro e vedo il mondo sotto di me. Purtroppo dopo un piccolo trauma cranico e uno al coccige, sono molto più cauta. Spero di riuscire a sbloccarmi di nuovo, é una cosa che sto patendo tanto”.

Foto spesso sensuali: come seduci i tuoi partners? “Questa è una bella domanda. Sinceramente non mi sono mai piaciuta, mi sono sempre vista piena di difetti e non mi sono mai sentita a mio agio con la mia altezza (sono alta 1,50). Solo negli ultimi anni ho iniziato ad apprezzarmi per quello che sono, con i miei pregi e i miei difetti. Ho smesso di nasconderli ed ho iniziato a farne dei punti di forza, perché sono anche quelli che mi rendono la persona che sono. Penso che la seduzione parta dal cervello e non dal corpo. Una donna imperfetta, ma sicura di sé, trasuda molta più sensualità di una donna bellissima ma piena di insicurezze”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.