Il lupo perde il pelo… ma non la cannabis

I Carabinieri dell’Aliquota Operativa del NOR di Acqui Terme hanno tratto in arresto Davide C, 42enne dell’acquese, pluripregiudicato, ritenuto responsabile dei reati di coltivazione e produzione di sostanze stupefacenti.
I militari, durante un servizio di pattuglia in abiti civili mirato al contrasto del fenomeno dello spaccio di sostanze stupefacenti, nel transitare in una strada del Comune di Terzo si erano fermati in corrispondenza dell’abitazione dell’uomo. Nella circostanza, avevano avvertito un forte odore, tipico della marjuana, provenire dalla abitazione, il cui occupante era già stato arrestato, in passato, proprio per avervi allestito una sorta di vera e propria piantagione di tale sostanza.
I Carabinieri hanno pertanto deciso di effettuare una perquisizione, rinvenendo una serra attigua all’abitazione al cui interno vi erano ben 15 piante di marijuana in piena fioritura, per un peso complessivo di circa 40 chilogrammi.
La serra era organizzata in tre zone: una dedicata alla coltivazione, una all’essiccamento ed un’altra alla conservazione/stoccaggio del “prodotto”, con oltre 300 grammi di sostanza già “pronta” per essere venduta all’ingrosso in contenitori, nonché materiale per il confezionamento e la pesatura per l’eventuale vendita anche al dettaglio.
La sostanza stupefacente è stata posta sotto sequestro per le successive analisi, mentre per il proprietario della casa e della serra, tratto in arresto, si sono schiuse nuovamente le porte della Casa Circondariale di Alessandria.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.