Ricercato internazionale scovato in un bar di Canelli. Godeva dell’appoggio di connazionali

I Carabinieri dell’Aliquota Operativa della Compagnia di Canelli, hanno tratto in arresto Stojan Velkov, 30enne macedone, destinatario di mandato d’arresto internazionale emesso dall’Autorità Giudiziaria della Repubblica di Macedonia.
I militari da alcune settimane erano sulle tracce del ricercato, il quale godeva dell’appoggio di familiari domiciliati nella zona dell’albese ma, evidentemente protetto da una rete copertura di pregiudicati locali ed extracomunitari, era riuscito fino a ieri a far perdere le proprie tracce.

Un controllo dei Carabinieri in un bar di Viale Risorgimento a Canelli ha portato alla cattura e alla notifica del provvedimento sorpreso all’interno dell’esercizio pubblico in compagnia di noti pregiudicati della zona.

L’uomo si era reso responsabile di omicidio stradale in Macedonia avvenuto nel 2012 e condannato nel 2015 con sentenza definitiva dal Tribunale di Vinica (Macedonia), alla pena di 2 anni e 3 mesi di reclusione, dopodiché si diede alla fuga e rimase irreperibile fino all’agosto 2017, allorché fu tratto in arresto dai Carabinieri della Stazione di Diano Marina. Anche in quel caso però riuscì a farla franca poiché la Corte d’Appello di Genova, competente per la procedura di rimpatrio, dovette scarcerarlo in quanto la documentazione necessaria per l’estradizione non fu fornita dalle autorità macedoni nei tempi previsti dalla legge.

Successivamente, quando finalmente giunse all’Autorità Giudiziaria italiana la documentazione richiesta, venne emesso un altro provvedimento di cattura e per Velkov iniziò dunque un nuovo periodo di latitanza, fino all’arresto avvenuto nella mattinata di ieri.

L’arrestato è stato anche deferito ai sensi della legge sull’immigrazione poiché privo di alcun titolo di soggiorno sul Territorio Nazionale e segnalato alla Prefettura di Asti quale assuntore di sostanze stupefacenti in quanto trovato in possesso di alcuni grammi di marijuana.

Per modifiche o informazioni:
posta@livemag.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.